Stampa
Simulazione pediatrica in network
Il network si propone di diffondere la modalità di formazione tramite simulazione in situ ad alta fedeltà nell’ambito della Rete pediatrica della Regione Toscana. La creazione di programmi di simulazione condivisi permetterà di:
  • introdurre rapidamente e rendere omogenei i protocolli diagnostico-terapeutici e assistenziali dell’emergenza pediatrica, testandoli in ambiente di simulazione prima dell’utilizzo sul paziente reale;
  • acquisire gli aspetti organizzativi e di team work necessari per gestire pazienti pediatrici ad alta intensità di cura in emergenza.
Sono attualmente coinvolti nel progetto le Pediatrie degli ospedali di Grosseto, Lucca, Pistoia, Prato e la struttura Simulazione e risk management dell’AOU Meyer, in veste di coordinatore del progetto.

Il 4 febbraio 2014 si è svolta la prima riunione nella quale sono stati identificati gli obiettivi comuni e delle singole realtà:
  • miglioramento della gestione delle emergenze mediante un programma di formazione tramite simulazione ad alta fedeltà rivolto a tutte le figure professionali che partecipano alla gestione del paziente pediatrico (pediatri, infermieri, medici del 118, rianimatori, medici del pronto soccorso);
  • diffusione di un approccio e cura unificato e standardizzato, con protocolli sull’emergenza pediatrica condivisi nei diversi Ospedali della Regione Toscana e testati direttamente tramite sessioni di simulazione;
  • implementazione della formazione sul lavoro in team con coinvolgimento delle altre figure professionali;
  • analisi e riduzione del rischio clinico del paziente pediatrico tramite l’utilizzo della simulazione in situ.
In tale occasione sono stati programmati i primi due corsi di formazione per docenti di programmi di simulazione ad alta fedeltà in data 17-18 marzo e 19-20 maggio da cui sono usciti i primi 30 istruttori a livello regionale. Nel periodo autunnale sono stati poi realizzati tre corsi di refresh che avevano come destinatari gli stessi istruttori, allo scopo di approdondire le tecniche di Debriefing.
E’ stata attivata anche la modalità di stage presso il programma di simulazione dell’ospedale Meyer che ha permesso agli istruttori di partecipare come osservatori alle sessioni di simulazione.
In occasione di numerosi congressi nazionali fra cui il Congresso Nazionale della Società Italiana di Pediatria (giugno 2014 a Palermo) il progetto del Network di Simulazione Pediatrica è stato presentato dal dott. Marco de Luca, coordinatore del progetto, il quale ha in particolare sottolineato l’innovativo approccio della Regione Toscana a questo tipo di formazione.

Il progetto ha avuto inizio con la formazione di 30 istruttori di simulazione che hanno seguito un corso base e un corso refresh, e proseguirà con dei corsi di livello avanzato. E' prevista anche la presenza dei formatori nelle singole pediatrie durante le fasi di start up.

Il progetto prevede il successivo coinvolgimento delle unità operative di Pediatria di altri ospedali nell'ottica di una sempre maggiore diffusione della cultura della simulazione.
Le attività del Network verranno integrate e sostenute dalla formazione a distanza mediante micro-simulazione e dalla collaborazione con centri internazionali che hanno sviluppato un programma simile di Network di Simulazione pediatrica.

Risorse correlate