Contenuto principale

Messaggio di avviso

INFORMATIVA: Per migliorare l'esperienza di navigazione delle pagine, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici. Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la "privacy policy".
Acconsenti all'uso dei cookie?

DALLA REGIONE

di Serena Consigli, Regione Toscana

L’Organizzazione mondiale della sanità riconosce il fenomeno del bullismo come la forma di violenza più diffusa tra i bambini e i giovani. Regione Toscana e Ufficio scolastico regionale hanno firmato un accordo per studiare meglio il fenomeno e quindi mettere in atto tutte quelle azioni utili per contrastarlo in tutte le sue manifestazioni e soprattutto educare i ragazzi a una convivenza civile e a rapporti sociali positivi.
In particolare il programma NoTrap! (Noncadiamointrappola) condotto dal Dipartimento di Scienze della formazione e psicologia dell’Università di Firenze rivolto ai ragazzi della scuola secondaria di primo e secondo grado, attraverso la peer education mira a incentivare una responsabilizzazione attiva dei ragazzi. Attraverso un percorso formativo si cerca di aumentare la percezione di autoefficacia dei ragazzi stessi e di stimolare in loro un senso di responsabilità nei confronti della vittima. Il messaggio che deve passare è che, facendo finta di niente, tutti noi siamo in parte responsabili delle sofferenze della vittima e che insieme possiamo porre fine alle prepotenze.