Contenuto principale

Messaggio di avviso

INFORMATIVA: Per migliorare l'esperienza di navigazione delle pagine, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici. Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la "privacy policy".
Acconsenti all'uso dei cookie?
Immagine 1 - Procedura per lavarsi correttamente le mani (fonte: Organizzazione mondiale della sanità)

CURIOSITÀ

di Giulia Righi, ufficio stampa AOU Meyer

Sono una delle cose più sporche che esistano. Le mani – e più che mai le mani dei bambini – sono un ricettacolo di germi. A volte si tratta di microrganismi innocui, molto spesso invece sono patogeni: virus e batteri che non aspettano altro che cinque dita appoggiate su una maniglia per spostarsi da un individuo all’altro e moltiplicarsi. Ecco, allora, che imparare a lavarsi le mani fin da piccoli è molto importante. Ci può aiutare una canzone…

“Prima di” e “dopo aver”. “Abituare i bambini a un lavaggio frequente delle mani è importante – spiega il dottor Francesco Silenzi, pediatra del pronto soccorso del Meyer – È importante farlo prima di mangiare, subito dopo essere andati in bagno, dopo aver frequentato luoghi pubblici. Senza eccessi, ma la frequenza va aumentata se in casa abbiamo un giardino o il bambino è a contatto con gli animali”.

Come si lavano? “L’Organizzazione mondiale della sanità raccomanda che il lavaggio duri almeno 40-60 secondi e seguendo una procedura (molto più semplice a farsi che a dirsi, vedi immagine sotto) che garantisce un’accurata pulizia” spiega il dottor Silenzi. Ma - diciamolo pure – nella pratica quotidiana non sempre dedichiamo al lavaggio delle mani tutta questa attenzione e spesso si tratta di un’operazione fatta in modo molto sbrigativo. Per non sbagliare però c’è un trucco: “per abituare i bambini a impiegare il giusto tempo, possiamo dare loro il tempo di cantare due volte “Happy birthday”: è un modo per rendere più divertente il rito del lavaggio e così siamo sicuri di non avergli dedicato troppo poco tempo”, suggerisce il dottore.

Quale detergente scegliere? “Specialmente se si tratta di bambini piccoli è bene preferire un detergente neutro – spiega il dottor Silenzi – Se siamo all’aperto senza un lavandino si possono usare salviette oppure, specie nei casi di sporco peggiore, un detergente in gel a base alcolica”.

Immagine 1 - Procedura per lavarsi correttamente le mani (fonte: Organizzazione mondiale della sanità)

Immagine 1 - Procedura per lavarsi correttamente le mani (fonte: Organizzazione mondiale della sanità)