Contenuto principale

Messaggio di avviso

INFORMATIVA: Per migliorare l'esperienza di navigazione delle pagine, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici. Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la "privacy policy".
Acconsenti all'uso dei cookie?
Una mamma massaggia la schiena al figlio neonato sul fasciatoio

CURIOSITÀ

Maria Vittoria Giannotti ne parla con Stefania Losi, ginecologa dell'AOU Meyer

Affrontare il tema della sessualità con i propri figli non è mai una cosa semplice. Perché davanti a quegli inevitabili terremoti – fisici ed emotivi – che sono i primi amori adolescenziali, i genitori si trovano costretti a prendere atto che i loro bambini sono ormai cresciuti e sono pronti a entrare nel mondo degli adulti. Da parte loro, gli adolescenti vivono i primi rapporti sessuali come un’esperienza personalissima, che non desiderano condividere con mamma e papà. Eppure, parlarne insieme è una buona idea, spiega Stefania Losi, dell’ambulatorio di ginecologia pediatrica del Meyer.
“Ovviamente non si può iniziare ad affrontare argomenti così intimi di punto in bianco – sostiene la specialista – ma è bene creare un rapporto di fiducia, complicità e di dialogo, su tutti i fronti, che accompagna bambini e bambine durante tutto l’arco della loro crescita”. Meglio quindi, lasciare da parte imbarazzi e timori e parlare in modo chiaro. “Per la ragazzine – spiega Stefania Losi – è consigliabile che a prendere l’iniziativa sia la mamma. Ma anche i maschi, almeno inizialmente, potrebbero preferire che sia una figura femminile a farsi carico di spiegazioni e avvertimenti”.
Tono e contenuti della conversazione dovrebbero essere improntati alla massima serenità. “Il terrorismo non serve a niente – continua Losi – ma è bene chiarire che è opportuno prendere delle precauzioni per evitare gravidanze indesiderate e malattie sessualmente trasmissibili. Oggi se ne parla sempre meno, ma rappresentano un rischio da non sottovalutare”. Può essere utile anche aiutare i figli con una “chiacchierata” professionale con una figura di riferimento: può essere un medico, un pediatra o una ginecologa. “Spesso i ragazzi preferiscono confidarsi con queste figure”.
Ma qual è l’età giusta per cominciare a dare spiegazioni più approfondite? “L’importante è dire sempre la verità, anche se in modo adeguato all’età. Comunque ha senso cominciare a parlarne solo quando i bambini sono in grado di recepire davvero il significato di quello che vogliamo loro comunicare.