Contenuto principale

Messaggio di avviso

INFORMATIVA: Per migliorare l'esperienza di navigazione delle pagine, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici. Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la "privacy policy".
Acconsenti all'uso dei cookie?

PAROLA DI ESPERTO

a cura di Scienza in rete

La meningite e la sepsi meningococcica sono malattie estremamente gravi. La sepsi può causare la morte in 1 su 4 delle persone colpite e può lasciare esiti gravemente invalidanti nei sopravvissuti. In Toscana si sono verificati numerosi casi, ma non possiamo parlare di epidemia: tutti i casi sono isolati, nessuno è stato contagiato dal caso precedente.

La tipizzazione del germe effettuata nei laboratori del Meyer ha dimostrato che a circolare è un germe ben conosciuto per la sua aggressività, il tipo C-ST11. "Non si tratta di un germe nuovo – spiega la professoressa Chiara Azzari, Responsabile del Centro di Immunologia pediatrica del pediatrico fiorentino - è uno dei più comuni meningococchi che troviamo in Italia. È un tipo particolarmente aggressivo che però è sensibile alle terapie antibiotiche”.

La strategia più efficace per contrastarlo, come confermato anche dall’Istituto Superiore di Sanità, è la vaccinazione e la profilassi antibiotica dei contatti, misure di contenimento e di prevenzione eccezionali che Regione Toscana ha prontamente organizzato.

Per conoscere meglio cosa è la meningite, quale germe la sta innescando, cosa provoca e come difendersi abbiamo realizzato tre video-interviste alla professoressa Chiara Azzari.


Speciale Meningite C - Video