Contenuto principale

Messaggio di avviso

INFORMATIVA: Per migliorare l'esperienza di navigazione delle pagine, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici. Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la "privacy policy".
Acconsenti all'uso dei cookie?

SCIENZA

 

Asine Amiantine

Come salvare dall’estinzione una delle più antiche razze di asini italiani, quella Amiatina, e dare una risposta terapeutica ai bambini allergici al latte vaccino e ad altri latti. Questo (e molto di più) è il progetto che l’Allergologia del Meyer ha avviato insieme a Regione Toscana e all’azienda agricola “Le Bandite” di Scarlino. Un progetto dove il latte delle asine del Monte Amiata diventa “medicina” per i bambini gravemente allergici alle proteine del latte vaccino.

Il latte materno rappresenta l'alimentazione esclusiva o prevalente nei primi mesi di vita dei neonati ma, quando non è possibile, è essenziale ricercare un’adeguata alternativa. Il latte vaccino è ampiamente usato come suo sostituito ma alcuni bambini manifestano allergia alle proteine del latte vaccino, una reazione avversa mediata da un meccanismo immunologico, che si presenta solitamente con un esordio acuto, caratterizzato principalmente da manifestazioni cutanee (eritema, prurito, orticaria, angioedema), ma anche da sintomi respiratori (rinite, congiuntivite, tosse, asma), o gastrointestinali (dolore addominale, vomito, nausea, diarrea). In alcuni casi le reazioni possono essere molto gravi, fino allo shock anafilattico.

Il latte di mammiferi non bovini (cavalla, asina, cammella) ha dimostrato in vari studi di essere tollerato in una grande percentuale di soggetti allergici alle proteine del latte vaccino. Secondo recenti studi il latte di cavalla è tollerato nel 96% e quello di asina nell’82-96% di tutti i bambini con allergie alle proteine del latte vaccino. Dunque, con opportune garanzie nutrizionali e igienico-sanitarie, il latte equino rappresenta un’ottima alternativa al latte vaccino, grazie alla sua elevata somiglianza con il latte umano e alla sua ottima palatabilità. Da qui nasce il progetto coordinato dal team di Allergologia del Meyer del prof. Elio Novembre (a cui collabora anche il servizio di Dietetica pediatrica), su “Il latte di asina di razza Amiatina nella gestione del bambino con allergia alle proteine del latte vaccino: aspetti innovativi, clinici, allergologici e nutrizionali”. Il progetto vuole valutare l’efficacia dell’impiego del latte di asina Amiatina nella dieta di bambini affetti da questo tipo di allergia, individuandone le caratteristiche nutrizionali, nutraceutiche e igienico-sanitarie.

Un nettare, ecco il latte di asina Amiatina. ll suo alto contenuto di lattosio stimola l’assorbimento di calcio a livello intestinale, a tutto beneficio della mineralizzazione ossea, e ha inoltre un alto contenuto di lisozima, un enzima del quale sono state evidenziate le capacità di inattivare alcuni virus, l’attività immunoregolatoria e quella antitumorale.

Linkografia:
Expotuscany