Contenuto principale

Messaggio di avviso

INFORMATIVA: Per migliorare l'esperienza di navigazione delle pagine, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici. Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la "privacy policy".
Acconsenti all'uso dei cookie?

BUONO A SAPERSI

di Giulia Righi, Ospedale pediatrico Meyer
Latte di mamma

Il latte di mamma è il miglior alimento possibile per un bambino. Il latte della mamma è molto più di un ottimo alimento: i suoi fattori biologici specifici per il “cucciolo d’uomo” proteggono da molte malattie, anche a lungo termine, e stimolano lo sviluppo di vari organi e apparati. Se per il bambino sano il latte rappresenta il nutrimento ideale, per molti bimbi, nati pretermine o affetti da patologia, è da considerare un vero e proprio supporto terapeutico.

Allattamento. Iniziare e proseguire l’allattamento di un bambino può, per diversi motivi, non essere semplice. Per questo è fondamentale che le neomamme siano adeguatamente affiancate sin dai primi giorni da personale sanitario in grado di sciogliere ogni dubbio: in ospedale prima, a casa poi. La Regione Toscana, in questo senso, può contare su una fitta rete di ambulatori a sostegno dell’allattamento e gli ospedali del territorio hanno un servizio dedicato.

Etichetta del latte di mamma. Ma cosa c’è dentro questo elisir di salute? Premessa: il latte di mamma ha la straordinaria capacità di adattarsi alle esigenze del bambino a cui è destinato. E dunque cambia in base ai suoi bisogni. A pochi giorni dal parto prende il nome di colostro ed è incredibilmente ricco di fattori nutritivi come proteine, sali minerali e oligosaccaridi ed è una vera e propria miniera di anticorpi e globuli bianchi. Nei giorni successivi si fa più calorico aumentando la percentuale di grassi e lattosio (quindi l'apporto calorico), per arrivare alla sua formula di latte maturo dopo circa quindici giorni dalla nascita del piccolo. Un mix di proteine, lipidi, sali minerali e zuccheri miscelati in proporzioni adeguate alle necessità del lattante con ineguagliabili proprietà anti-infettive, grazie alla presenza di anticorpi e globuli bianchi che aiutano il bambino a proteggersi dai patogeni esterni.

Lo sai che al Meyer è nata, prima in Italia, la Banca del Latte Umano Donato? Era l’8 marzo del 1971, festa della donna, un giorno doppiamente speciale. Il Meyer apriva il servizio di raccolta dalle mamme donatrici che ha fatto davvero la storia. Da allora la Banca del Latte Umano Donato (BLUD) ha aiutato oltre 16.500 bambini con più di 80 mila litri di latte raccolti donati da quasi 12 mila mamme. Per farsi un’idea concreta: 1600 damigiane! Il Meyer oggi è il capofila della rete regionale del latte umano donato e, grazie all’atto di generosità delle mamme, ogni giorno questo latte arriva in aiuto dei piccoli prematuri della Terapia Intensiva Neonatale, di quelli con difetti congeniti del metabolismo, di quelli con insufficienza renale o cardiopatie. Ogni mattina, inoltre, c’è un pulmino che parte dal Meyer e va a ritirare a domicilio il prezioso alimento.
Vuoi saperne di più e magari diventare donatrice? Scrivi a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Linkografia:
Allattamento al seno, domande e risposte