Contenuto principale

Messaggio di avviso

INFORMATIVA: Per migliorare l'esperienza di navigazione delle pagine, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici. Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la "privacy policy".
Acconsenti all'uso dei cookie?

BUONO A SAPERSI


Sono parti importantissime per il benessere dei bambini e delle bambine, che necessitano di una pulizia particolarmente approfondita. Non sempre, però, i piccoli gradiscono le ingerenze degli adulti con le loro parti intime. Grazie alla guida di Stefania Losi, pediatra del Meyer con perfezionamento in ginecologia pediatrica, abbiamo messo a punto cinque consigli per curare l’igiene intima dei vostri bambini.

1. Le parti intime devono essere lavate almeno due volte al giorno con acqua corrente. La doccia non basta, soprattutto per le bambine. L’ideale è il bidet, che garantisce una pulizia più accurata.

2. È una buona abitudine insegnare loro che, dopo aver fatto la pipì, è bene asciugarsi sempre con la carta igienica.

3. Il sapone deve essere utilizzato in quantità modica: un cucchiaino è sufficiente. I saponi che usano mamma e papà non vanno bene per i piccoli. Nel caso delle femmine, per esempio, il detergente deve essere a ph neutro.

4. Per pulire il sederino, è bene procedere con un movimento dall'alto verso il basso, dalla parte più pulita alla più sporca in modo da non portare le impurità sul davanti perché altrimenti si corre il rischio di infezioni a livello vulvare.

5. Intorno ai quattro-cinque anni, i bambini cominciano a chiedere di poter occuparsi da soli della propria igiene intima. Il consiglio è quello di lasciare che facciano da soli, ma di fare comunque una supervisione dell’operazione. E date loro istruzioni chiare e precise su come fare: per ottenere una maggiore chiarezza, potrebbe essere una buona idea servirsi di un disegno