Contenuto principale

Messaggio di avviso

INFORMATIVA: Per migliorare l'esperienza di navigazione delle pagine, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici. Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la "privacy policy".
Acconsenti all'uso dei cookie?
I quattro componenti della Task force umanitaria del Meyer
Firma accordo fra l'Ospedale Pediatrico Meyer e l'Hospital Sant Joan de Déu di Barcellona

Stabilire una collaborazione sul fronte della formazione, la ricerca, l’innovazione e la cura di neonati, bambini e adolescenti: è questo l’obiettivo principale dell’accordo siglato questa mattina dal Direttore Generale del Meyer Alberto Zanobini e il Direttore del Sant Joan de Déu di Barcellona Manuel Del Castillo Rey. Il gemellaggio tra le due istituzioni dedicate alla cura delle patologie infantili è stato sancito a margine dell’Executive Forum mondiale degli ospedali pediatrici, che si è tenuto a Montreal (CHIEF, Children’s Hospitals International Executive Forum). L’intesa raggiunta oggi rappresenta il punto di arrivo di un confronto, iniziato più di un anno fa, che ha portato le due strutture a lavorare insieme per individuare obiettivi ed esigenze condivise, ma è anche il punto di partenza di un percorso che le istituzioni affronteranno insieme nell’ottica di una sinergia davvero operativa. Per il pediatrico fiorentino si tratta di un altro importante passo avanti verso una dimensione di più ampio respiro che lo ha visto partecipare attivamente a reti internazionali e promuovere collaborazioni con le realtà pediatriche eccellenti, esplorando le opportunità e migliori pratiche da portare al beneficio dell’ospedale e i pazienti, anche in un’ottica di supporto alla sostenibilità del sistema sanitario stesso.

L’accordo sarà poi in futuro declinato in una serie di attività specifiche che investiranno vari campi: l’organizzazione di eventi e gruppi di lavoro congiunti per costituire una base di conoscenza comune; la messa a punto di metodi di misurazione degli standard qualitativi e quantitativi (un confronto particolarmente utile dato che i due ospedali si trovano a operare in contesti socio-sanitari più simili tra loro, rispetto ai centri di cura statunitensi); lo sviluppo di un sistema per lo scambio di professionisti in un’ottica di formazione continua e reciproca e il supporto di progetti innovazione congiunti.