Contenuto principale

Messaggio di avviso

INFORMATIVA: Per migliorare l'esperienza di navigazione delle pagine, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici. Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la "privacy policy".
Acconsenti all'uso dei cookie?
Huawei in visita al Meyer
Oltre 12 chilometri di fibra ottica di ultima generazione per realizzare una vera e propria autostrada telematica che consentirà una velocità di connessione dieci volte superiore a quella attuale.
Foto Huawei al Meyer

Firenze, 16 luglio 2016 - Una vera rivoluzione destinata a cambiare l’orizzonte digitale del Meyer che avrà Huawei come partner tecnologico.

Il Meyer è il primo ospedale pediatrico italiano che impiegherà unicamente la tecnologia Huawei per implementare la nuova rete dati. Grazie alle migliori performance di rete e alla maggiore affidabilità, sarà aperta la strada alla futura cartella clinica pediatrica elettronica. Il progetto sarà eseguito con il coordinamento di ESTAR e i lavori si concluderanno a metà settembre.

Questa tecnologia è all’avanguardia nel mercato enterprise e garantisce collegamenti ad altissima velocità e affidabilità sia per le singole postazioni (1GB/s) che per i reparti (20 GB/s) verso il doppio centro stella.

Ogni PC sarà quindi connesso a una velocità di almeno 10 volte superiore quella attuale senza nessun rallentamento dovuto al traffico contemporaneo. Il tutto sarà monitorato da una sistema centrale sempre di Huawei, che permetterà di identificare le problematiche in maniera proattiva.

“Questo importante investimento permetterà al Meyer di essere tecnologicamente preparato anche per la sanità digitale dell’immediato futuro” ha dichiarato Alberto Zanobini, Direttore Generale del Meyer.

“Siamo fieri di potere contribuire con la nostra tecnologia al miglioramento dei servizi sanitari offerti dall’Ospedale pediatrico Meyer ai piccoli pazienti e alle loro famiglie - ha commentato Alessandro Cozzi, Country Director Enterprise Business Group, Huawei Italia - Il progetto costituisce un’ulteriore testimonianza di come la collaborazione fra partner tecnologici e istituzioni sanitarie possa portare benefici all’intera comunità”.