Contenuto principale

Messaggio di avviso

INFORMATIVA: Per migliorare l'esperienza di navigazione delle pagine, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici. Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la "privacy policy".
Acconsenti all'uso dei cookie?
Il Pediatrico di Firenze sarà l'unico centro italiano a partecipare con interventi in diretta

Chirurgia della sordità in diretta “live” in tutto il mondo il prossimo 12 dicembre al Meyer. Il pediatrico fiorentino con il reparto di Otorinolaringoiatria, diretto dal dottor Franco Trabalzini, (centro eccellenza Neurochirurgia Dr Genitori) sarà l'unico ospedale italiano a partecipare all'iniziativa, con interventi in diretta su casi molto complessi.

“Insieme ad altri Centri (fra cui Hannover, Beziers, Zurigo, San Paolo), tratteremo casi molto particolari con sordità legata a malformazioni congenite o a infezioni croniche – spiega il dr. Trabalzini -. A Firenze verrà effettuato un intervento su una bambina, affetta da una malattia rara, che provoca la comparsa di sordità bilaterale. Inseriremo una protesi elettronica di ultima generazione allo scopo di ripristinare il canale uditivo e permettere alla paziente di riacquisire una soddisfacente vita di relazione”.

La videochirurgia in diretta streaming è un importante mezzo di confronto fra i vari centri di eccellenza ed un importante momento di “training” per le nuove generazioni.

La tecnologia attualmente disponibile presso il Meyer (acquisita grazie al supporto della sua Fondazione) permette di eseguire tali eventi durante l’anno con una certa frequenza, rendendo il pediatrico di Firenze leader nel settore.

“Il motto del nuovo centro di Otorinolaringoiatria del Meyer - prosegue il dr. Trabalzini – è “so all can hear”, significa dare a tutti la possibilità di udire, trovando la soluzione per ogni problema di handicap uditivo, con ripristino dei meccanismi biologici dell’udito (chirurgia del sistema di trasmissione del suono, malformazioni congenite, displasie della capsula otica, ecc.) oppure con l’applicazione di sistemi elettronici: protesi impiantabili per conduzione ossea o aerea, impianto cocleare, impianto del tronco encefalico. L’ipoacusia permanente dell’età pediatrica è una condizione di altissimo rischio di disturbo comunicativo (linguaggio, ecc). La nostra attenzione è particolarmente rivolta all’età infantile, momento in cui si mettono in gioco le abilità relative alla comunicazione di ciascun individuo”.