Contenuto principale

Messaggio di avviso

INFORMATIVA: Per migliorare l'esperienza di navigazione delle pagine, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici. Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la "privacy policy".
Acconsenti all'uso dei cookie?
Si rinnova la collaborazione tra il Meyer e il Boston Children’s Hospital
Lo staff della simulazione pediatrica del Meyer durante un'esercitazione

Le nuove frontiere della simulazione pediatrica. Nasce dalla rinnovata collaborazione tra l’ospedale pediatrico Meyer e il Boston Children’s Hopital il convegno che giovedì 18 maggio dalle ore 9,30 si terrà presso l’aula magna del Meyer. Un’iniziativa che coinvolge il professor di Harvard Peter Weinstock, direttore del programma SIMPeds, e Christopher Roussin, direttore della didattica e ricerca del Boston Children's Hospital Simulator Program. L’appuntamento è stato preceduto da una settimana di intenso lavoro tra il pediatrico fiorentino e gli esperti statunitensi nel nuovo Campus , durante i quali si è sviluppato una riflessione sui percorsi che il gruppo del Meyer sta compiendo nell’ambito del programma di simulazione pediatrica e il network creato attorno a questa esperienza.

Il convegno rappresenta l’occasione di incontro con i maggiori esperti e centri nazionale e di confronto con realtà di rilievo come il Boston Children’s Hospital sulla simulazione pediatrica intesa non solo come metodo di formazione, ma come tessuto connettivo e trasversale all’organizzazione ospedaliera, quindi strategico per attività quali il rischio clinico o la qualità dei percorsi , per citare alcuni esempi concreti. Il programma di simulazione del Meyer è nato nel 2007, sviluppandosi nel corso degli anni a complessivo supporto della sicurezza del piccolo paziente e della qualità delle cure.

Il convegno che sarà aperto da Alberto Zanobini, Direttore Generale del Meyer prevede una mattinata ricca di relazioni da parte di esperti in simulazione non solo in campo medico ma anche aereonautico, come il comandante Alberto Zamboni, direttore operazioni volo Meridiana e formatore in human factors. Nel pomeriggio si svolgerà un confronto i con i relatori con domande dal pubblico.