Contenuto principale

Messaggio di avviso

INFORMATIVA: Per migliorare l'esperienza di navigazione delle pagine, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici. Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la "privacy policy".
Acconsenti all'uso dei cookie?

La stanza tiralatte per le mamme dei piccoli ricoverati nella Tin e in Rianimazione


Foto cover Lancet Grazie a questo ambiente le mamme dei bambini ricoverati nella Terapia intensiva neonatale e nella Rianimazione del Meyer potranno raccogliere il loro latte ad un passo dall’area di degenza dei loro piccoli in un ambiente rilassante con musica e luci soffuse.

Firenze, 27 novembre 2015 - È stata proprio una mamma, questa mattina, a inaugurare al Meyer Latte di mamma, una stanza pensata per le mamme dei piccoli ricoverati in Terapia intensiva neonatale e in Rianimazione che in questo modo potranno tirarsi il latte a pochi (centi)metri dai loro bambini senza dover attraversare l’intero ospedale per raggiungere il Lactarium. Nella stanza, situata ad un passo alla Tin, è stato tutto curato per garantire comfort e relax alle mamme: ci sono tre poltrone, altrettante postazioni tiralatte, e sullo sfondo una cascata immersa in una foresta verde. Luci soffuse di 8 colori diversi, regolabili anche come intensità, e una televisione sintonizzabile anche su canali musicali fanno il resto per favorire il rilassamento. Grazie a un piccolo interruttore posizionato accanto al tiralatte, inoltre, le mamme potranno in qualsiasi momento chiamare assistenza e le infermiere della Tin potranno aiutarle in pochi istanti.

In questo ambiente intimo e raccolto le mamme potranno continuare ad allattare i loro bambini anche in un momento, come quello del ricovero, in cui farlo può diventare più difficoltoso che mai e invece rappresenta una possibilità preziosa. Per i neonati ricoverati in reparti come la Tin e la Rianimazione, infatti, il latte di mamma, per le sue caratteristiche e la sua elevata digeribilità, assume il valore di una vera e propria medicina.