Contenuto principale

Messaggio di avviso

INFORMATIVA: Per migliorare l'esperienza di navigazione delle pagine, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici. Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la "privacy policy".
Acconsenti all'uso dei cookie?

https://youtu.be/MURQC62Ah1I - 13 aprile 2016

L’ospedale pediatrico Meyer di Firenze, attraverso la Fondazione Meyer, e Google for Work e il Premier Partner Noovle, stringono un accordo strategico per la creazione di un Laboratorio sull'innovazione, i cui obiettivi vanno dall’accrescimento delle conoscenze tecnico-scientifiche, a un percorso di digital transformation a supporto dell’aggiornamento tecnologico del Meyer. Iniziative che avranno forti e positive ricadute sulla salute dei bambini in Toscana.

Dal 12 aprile 2016, diventa davvero connessa la rete pediatrica regionale e a tutti i pediatri toscani viene messa a loro esclusiva disposizione una piattaforma digitale che consente la condivisione di pratiche, conoscenze e informazioni, mettendo a sistema capacità ed esperienze. Il progetto denominato We people comprende infatti un nuovo magazine della rete pediatrica toscana e il portale www.retepediatrica.toscana.it che mette in connessione tutti i poli pediatrici presenti negli ospedali della Toscana e tutti i pediatri di famiglia, sperimentando un nuovo modo avanzato di lavorare davvero in rete.

Grazie alle funzionalità offerte da Google Drive for Work, la soluzione tecnologica alla base della piattaforma, sarà possibile creare, modificare in tempo reale e condividere documenti online su qualunque dispositivo, anche in mobilità. Drive for Work renderà disponibili istruzioni e materiali informativi, che potranno non solo essere presentati, ma anche commentati e aggiornati online. Alla piattaforma verrà integrato Hangouts, la soluzione di Google per le riunioni video a distanza.

La piattaforma digitale nasce sulla scia di esperienze internazionali innovative. L’accordo siglato di recente dal Meyer con l’Harvard Medical School - e la rete Open Pediatrics - ha infatti permesso di constatare come una gestione orizzontale sia la miglior spinta per mobilitare la classe medica e immaginare un modello di rete regionale con un ospedale pediatrico al centro per offrire l’accesso semplificato alle informazioni.