Contenuto principale

Messaggio di avviso

INFORMATIVA: Per migliorare l'esperienza di navigazione delle pagine, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici. Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la "privacy policy".
Acconsenti all'uso dei cookie?

https://youtu.be/pF81aj-MIfs - 5 gennaio 2017

Il logopedista è la figura professionale che si occupa della valutazione e del trattamento delle problematiche di linguaggio, anche nei bambini ipoacusici.
I primi tre anni di vita sono fondamentali per il corretto sviluppo del linguaggio e quindi è fondamentale intervenire precocemente nei bambini che presentano una sordità. Gli studi in letteratura dicono infatti che un trattamento precoce e tempestivo permette al bambino sordo di sviluppare a cinque anni un linguaggio normo strutturato.
Il logopedista interviene dal momento della diagnosi e protesizzazione del bambino ipoacusico con un intervento inizialmente centrato sulla famiglia. Sarà infatti compito della famiglia quello di stimolare il bambino e inserirlo nel mondo sonoro degli stimoli dei suoni e dei rumori ambientali.
Solo in un secondo momento il logopedista interverrà in maniera più specifica andando a valutare e trattare le competenze di linguaggio.
Gli obiettivi principali sono due. Il primo è quello di sviluppare le competenze uditive e percettive. L'altro è di sviluppare le competenze comunicative linguistico verbali.