Contenuto principale

Messaggio di avviso

INFORMATIVA: Per migliorare l'esperienza di navigazione delle pagine, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici. Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la "privacy policy".
Acconsenti all'uso dei cookie?

https://youtu.be/uvw7t0GfBJM - 7 giugno 2017

L'ospedale pediatrico Meyer è all'avanguardia nella ricerca e nel trattamento della Sindrome di Ondine. Ce ne parla Niccolò Nassi, pediatra, responsabile del Centro CCHS del Meyer.

La Sindrome di Ipoventilazione Centrale Congenita è una condizione rarissima che colpisce circa 1 bambino ogni 200mila nati ed è caratterizzata dal malfunzionamento del sistema nervoso autonomo che governa il respiro durante il sonno. Pur essendo una patologia che conosce una comune causa genetica, può variare in seguito alla gravità di questa alterazione. Per cui non tutti i pazienti non hanno necessità di essere sottoposti alle stesse terapie.

L'unicità del percorso assistenziale per la Sindrome di Ondine offerto dal Meyer, consiste sia nell'approccio multidisciplinare, sia nel garantire una transizione graduale dalla medicina pediatrica a quella rivolta all'adulto.