Contenuto principale

Messaggio di avviso

INFORMATIVA: Per migliorare l'esperienza di navigazione delle pagine, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici. Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la "privacy policy".
Acconsenti all'uso dei cookie?
Ragazzino seduto davanti al computer che si mangia le unghie

CURIOSITÀ

Ragazzino seduto davanti al computer che si mangia le unghie

Probabilmente è la manifestazione di un piccolo stress, ma certo non è qualcosa di cui preoccuparsi. E comunque è un’abitudine così diffusa che è impossibile considerarla patologica. Sono davvero molti i bambini che, a partire dall’età scolare, cominciano a mordicchiarsi le unghie. La percentuale è destinata ad aumentare tra gli adolescenti, mentre gli adulti che ancora persistono nell’onicofagia sono una netta minoranza.
“Non è necessario allarmarsi – spiega Giovanni Poggi, pediatra del Meyer – e spesso si tratta di un’abitudine che i ragazzi abbandonano spontaneamente”. Sull’utilità dei tanti rimedi che vengono spacciati come risolutivi per togliere il vizio, Poggi è piuttosto scettico. “Il peperoncino, gli smalti amari e l’aloe non servono” sostiene. Questo non significa che non si possa cercare di intervenire. “A lungo andare le unghie possono rovinarsi in modo permanente – continua - e le lesioni che si provocano con i morsi sono una porta aperta ai batteri”.
Quindi conviene affrontare l’argomento con i propri figli, spiegando loro che rischiano un’irritazione o un’infezione e che, a lungo andare, la mano si rovina, diventando più brutta”. Quello degli inestetismi è un tema che di solito sta molto a cuore agli adolescenti. Ma certo è che, ricorda il pediatra, i genitori non devono essere troppo insistenti e confidare nel fatto che il problema si risolverà. E nel caso si verifichi un’infezione a un dito? “Va assolutamente curata – conclude lo specialista - spesso è sufficiente intervenire a livello locale, ma nei casi più gravi anche con la somministrazione di un antibiotico per via generale”.