Contenuto principale

Messaggio di avviso

INFORMATIVA: Per migliorare l'esperienza di navigazione delle pagine, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici. Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la "privacy policy".
Acconsenti all'uso dei cookie?
Bambina con la ciambella sulla riva in attesa di fare il bagno

CURIOSITÀ

Bambina con la ciambella sulla riva in attesa di fare il bagno

È uno di quegli argomenti capaci di dividere intere spiagge e di mettere a dura prova relazioni familiari solitamente ben consolidate. Quanto tempo bisogna attendere, dopo aver mangiato, prima di poter fare il bagno? Subito, rispondono i bambini di tutta Italia, guardando con invidia i coetanei del nord Europa, beati tra le onde subito dopo pranzo. Dopo tre ore, replicano le mamme del Belpaese, temendo ripercussioni più o meno catastrofiche per la salute dei pargoli. Il momento dell’ingresso in acqua diventa così oggetto di estenuanti trattative.

A dirimere la questione, che si ripresenta ogni estate da generazioni, è il dottor Massimo Resti, direttore del Dipartimento specialistico interdisciplinare del Meyer. In realtà, dichiara, la saggezza popolare a cui si appellano le madri non trova un riscontro scientifico. “L’acqua di per sé non rappresenta un pericolo – spiega il dottor Resti – i fattori da valutare per decidere se è il caso di fare un bagno sono altri: in primis, la temperatura dell’acqua e poi l’abbondanza del pasto che si è consumato”.

Considerando però che stiamo parlando di balneazione estiva nel Mediterraneo, la variabile più importante da prendere in considerazione è la seconda. “Si può tranquillamente mangiare frutta mentre si sta immersi nell’acqua - chiarisce Resti – e il problema non si pone neppure se si mangia un panino, oppure un gelato”. I problemi, spiega, possono insorgere solo nel caso in cui si entri in acqua dopo un pasto abbondante e non si rispettino alcune elementari precauzioni. “La digestione più impegnativa è rappresentata da alimenti che contengono proteine e grassi. In particolare, la carne di maiale è quella che richiede più tempo. In questo caso, le tre ore di attesa sono davvero consigliate. Già se si parla di pesce, un’ora e mezza è più che sufficiente”.

Il consiglio è quello di evitare un’immersione rapida, tipo il tuffo, e di procedere con gradualità, in modo da risparmiare all’organismo una brusca variazione di temperatura. Meglio evitare anche uno sforzo fisico intenso (ma la raccomandazione vale anche fuori dall’acqua). Ma quali sono i rischi a cui si può andare incontro? “Il pericolo maggiore è rappresentato dalla congestione e dallo choc ipovolemico che questa può comportare: avere uno svenimento nell’acqua può essere molto pericoloso, dato che si rischia l’annegamento”.
Insomma, nell’eterna battaglia tra mamme e bambini, potrebbero davvero averla vinta questi ultimi. Con un po’ di buon senso, ovviamente.