Contenuto principale

Messaggio di avviso

INFORMATIVA: Per migliorare l'esperienza di navigazione delle pagine, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici. Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la "privacy policy".
Acconsenti all'uso dei cookie?
Ragazzino seduto davanti al computer che si mangia le unghie

CURIOSITÀ

Per le nonne di una volta era un copione collaudato. “Dopo questa febbre mi sembri più alto!” esclamavano compiaciute alla vista dei nipotini tornati in forma dopo un’influenza. E anche davanti a un innalzamento della temperatura senza particolari sintomi, non si esitava a tirare in ballo misteriose febbri di crescita. “In realtà – spiega Giovanni Poggi – non esiste alcun riscontro scientifico a questa correlazione che una volta era piuttosto diffusa”. Si tratta quindi di uno dei tanti falsi miti in circolazione legati alla salute dei bambini. “La febbre – continua Poggi – non provoca una particolare secrezione degli ormoni della crescita, e che la crescita possa creare innalzamenti piretici o dolori è altrettanto privo di fondamento. Anche perché spesso i dolori lamentati dai bambini, passano con un semplice massaggio”. C’è però una possibile spiegazione a questa sensazione di crescita dei bambini di una volta. “Prima – spiega il pediatra – quando si era malati, era abitudine restare a letto. E una volta che la febbre era passata, ci si concedeva ancora qualche giorno di riposo per un breve periodo di convalescenza. Lo stare a letto provoca una distensione dei muscoli e delle articolazioni e questo, forse, era il motivo all’origine di questa percezione di maggiore altezza”.