Contenuto principale

Messaggio di avviso

INFORMATIVA: Per migliorare l'esperienza di navigazione delle pagine, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici. Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la "privacy policy".
Acconsenti all'uso dei cookie?

PAROLA DI ESPERTO

di Roberto Caputo, oculista AOU Meyer

È uno dei disturbi della vista più comuni e la sua diffusione è in costante aumento. Stiamo parlando della miopia: a farci da guida, per conoscere meglio questo disturbo, è il dottor Roberto Caputo, oculista del Meyer.

  • Che cosa è la miopia? La miopia è un difetto per cui le immagini che giungono da lontano non vengono messe a fuoco sulla retina, per cui appaiono sfocate. Il paziente senza la correzione vede male da lontano e meglio da vicino
  • Quali sono i segnali da non sottovalutare in un bambino per capire se è miope? Il bambino miope tende ad avvicinarsi per vedere meglio, per esempio alla televisione. Spesso tende a strizzare gli occhi per aumentare la profondità di messa a fuoco.
  • A che età è possibile diagnosticare una miopia? La miopia si può diagnosticare a qualsiasi età. Diciamo che l’incidenza maggiore di insorgenza della miopia è intorno agli 8-12 anni.
  • Come si fa diagnosi? La diagnosi si fa durante la visita oculistica: si mettono delle gocce per bloccare la messa a fuoco e dilatare la pupilla, poi si misura il difetto.
  • Si tratta di una patologia ereditaria? La miopia semplice ha sicuramente una componente familiare, anche se non si riconosce un gene unico per la miopia. Avere genitori con questo disturbo della vista aumenta il rischio per un figlio di diventare miope. Oltre alla familiarità, altri fattori sono chiamati in causa: la ridotta attività all’aria aperta e l’aumentata occupazione visiva da vicino, sono sicuramente implicati nell’aumento della miopia che sta avvenendo nelle ultime generazioni
  • Gli occhiali sono sempre indispensabili? La correzione ottica deve essere sempre portata, sia che utilizzino occhiali o lenti a contatto.
  • Come aiutare un bambino ad accettarli? In questo soltanto i genitori possono darci una mano, dando dei segnali positivi sull’utilizzo degli occhiali.
  • E l’intervento chirurgico è consigliato in età pediatrica? Generalmente l’intervento chirurgico viene effettuato dopo i 18-20 anni. Soltanto in alcuni rarissimi casi può essere effettuato in età pediatrica
  • Ci sono possibili complicanze per i bambini che hanno problemi di miopia? Di solito per miopie sotto le 5 diottrie non ci sono particolari complicanze. Se invece parliamo di miopie più elevate, effettivamente aumentano alcuni rischi tra cui quello di lesioni retiniche che possono anche influire sulla capacità visiva.
  • Visto che la miopia tende ad aumentare durante l’adolescenza, si può fare qualcosa per fermarla o almeno per rallentarne la progressione? Negli ultimi anni sono stati studiate numerose metodiche sia ottiche che farmacologiche per affrontare questo problema. Tra questi i risultati più promettenti sono stati con l’utilizzo di un collirio a base di atropina molto diluita (circa 100 volte) che risulta abbastanza efficace nel rallentare la progressione della miopia in età giovanile.