Contenuto principale

Messaggio di avviso

Foto del professor Frnacesco Morini e della dottoressa Chiara Grimaldi nel giardino del Meyer

Firenze – La squadra della Chirurgia del Meyer continua a crescere: ad aprile, l’Ospedale pediatrico fiorentino accoglierà due nuovi, importanti, arrivi. Si tratta del professor Francesco Morini e della dottoressa Chiara Grimaldi: entrambi provengono da una struttura di eccellenza nell’ambito della pediatria italiana come l’Ospedale Bambin Gesù di Roma. Con l’ingresso di questi due professionisti, che hanno alle spalle una lunga esperienza in sala operatoria, la Chirurgia pediatrica del Meyer, sotto la guida del professor Antonino Morabito, si prepara ad affrontare un ulteriore salto di qualità per offrire cure sempre migliori ai piccoli pazienti.
Il professor Francesco Morini, che prenderà servizio come professore associato di Chirurgia Pediatrica dell'Università degli Studi di Firenze, dirigerà la Struttura Complessa di Chirurgia Neonatale. Nell’ambito di questa disciplina, dedicata ai piccolissimi, si è svolta gran parte della sua attività professionale. Dopo un’esperienza di due anni all’estero presso l’Institute of Child Health di Londra, è rientrato in Italia per lavorare prima presso il Policlinico Umberto I, poi al Bambin Gesù. Nell’ospedale pediatrico romano, oltre all’attività chirurgica, si è occupato di attività clinica, Day Hospital e ambulatoriale, ma anche counselling prenatale per famiglie con feti affetti da malformazioni congenite. Ha preso parte, in veste di coordinatore, a numerosi progetti di ricerca, occupandosi di neonati affetti da ernia diaframmatica congenita, di immunità in pazienti con megacolon congenito, di enterocolite necrotizzante e delle occlusioni tracheali fetali. È autore di articoli scientifici pubblicati su prestigiose riviste di livello internazionale e fa parte di numerosi comitati editoriali in qualità di revisore. Tra gli incarichi che ha ricoperto, quello di membro del Network Office della European Paediatric Surgeons Association (EUPSA) e di responsabile del Registro Europeo per l'Atresia Esofagea sviluppato in seno allo stesso network. Un’esperienza a 360 gradi che potrà mettere al servizio dei neonati più fragili che necessitano di un intervento chirurgico nei primi mesi di vita.
La dottoressa Chiara Grimaldi, che presso il Meyer dirigerà l'Unità di Chirurgia epatobiliare e oncologica, avrà il compito di sviluppare un percorso assistenziale chirurgico dei pazienti affetti da patologie oncologiche ed epatobiliari presi già in carico dalla pediatria e costituire punto di riferimento a livello regionale e nazionale per il trattamento di tutte quelle patologie del fegato, del pancreas e delle via biliari che necessitano di un intervento: non solo quindi tumori, ma anche malformazioni, traumi, infezioni e ostruzioni. Anche il suo è un curriculum di spessore: dal 2005 al 2009 ha lavorato in diverso ospedali francesi per poi approdare all’Ospedale Bambin Gesù: nella struttura romana ha lavorato presso la Chirurgia epatobiliopancreatica e del trapianto di fegato e rene ed è stata responsabile di alta specializzazione nelle anomalie vascolari del fegato. La sua attività clinica e chirurgica, così come la sua produzione scientifica, si sono concentrate, in particolare, sulla chirurgia delle malformazioni delle vie biliari, la resezione e il trapianto del fegato. Si è occupata anche della gestione multidisciplinare dei piccoli pazienti con patologie oncologiche. È membro di società scientifiche internazionali ed è autrice di numerose pubblicazioni scientifiche di respiro europeo.